Caricamento ...
Spiacenti, si è verificato un errore durante il caricamento del contenuto.

Visnjica broj 123

Espandi messaggi
  • jugocoord@libero.it
    RISPUNTA DOPO MESI, SULLA STAMPA DELLA RF DI JUGOSLAVIA, UNA NOTIZIA SULLO STATO DELL AMBIENTE IN SEGUITO AI BOMBARDAMENTI 1.FONTE: B92-Vest. 2.TITOLO: L acqua
    Messaggio 1 di 1 , 2 nov 2001
    Visualizza origine
    • 0 Allegato
      RISPUNTA DOPO MESI, SULLA STAMPA DELLA RF DI JUGOSLAVIA,
      UNA NOTIZIA SULLO STATO DELL'AMBIENTE IN SEGUITO AI BOMBARDAMENTI

      1.FONTE: B92-Vest.
      2.TITOLO: L'acqua potabile è inquinata a Novi Sad?
      3.INDICE: ///
      4.SITO INTERNET: http://www.b92.net/
      5.NUMERO DI PAGINE:1/2.
      6.DATA: 07.10.2001.

      Gli ecologisti di Novi Sad avvertono il pubblico della minaccia
      derivante dal pericolo dell'inquinamento dell'acqua potabile, a causa
      della presenza di sostanze nocive che sono la conseguenza del
      bombardamento della NATO sulla "Raffineria di Novi Sad".
      Allo stesso tempo, dall'"Acquedotto di Novi Sad" fanno sapere che la
      città di Novi Sad potrebbe rimanere senza acqua potabile. Come rende
      noto l'inviato di Radio B-92, nella vicinanza immediata della
      Raffineria si trova una sorgente da cui i cittadini di questa citta'
      ricevono il 60% del fabbisogno dell'acqua potabile.
      Il direttore del Movimento ecologico di Novi Sad, Nikola Aleksic,
      dice che ci vogliono due, al massimo tre anni per l'infiltrazione
      delle
      sostanze inquinanti nel deposito dell'acqua potabile. Secondo le
      affermazioni degli esperti dell'"Acquedotto di Novi Sad", è già in
      atto un certo modesto inquinamento, ma con il cambiamento del
      Regolamento sulle quantità permesse delle sostanze nocive,
      quell'inquinamento si
      e' inserito nelle norme previste dalla legge. Secondo le parole di
      Aleksic: "la città non ha fatto niente per impedire l'irruzione delle
      sostanze nocive. E' stata solo seguita la situazione, ma senza
      predisporre la "tenda idraulica". Se la città perde questa sorgente
      importante, non l'avrà mai più, e Novi Sad avrà sempre sete" -
      conclude Aleksic.

      (a cura di Zivkica)
    Il tuo messaggio è stato inviato correttamente e verrà recapitato a breve ai destinatari.