Caricamento ...
Spiacenti, si è verificato un errore durante il caricamento del contenuto.

(Da SLAI Cobas Taranto) RE: [JUGOINFO] Roma 2/6: NO ALLA GUERRA

Espandi messaggi
  • Coord. Naz. per la Jugoslavia
    il comitato per il No per opera di alcune forze e personaggi boicotta la manifestazione alla base navale e organizza un incontro con invito al sindaco e al
    Messaggio 1 di 1 , 1 giu 2005
    Visualizza origine
    • 0 Allegato
      il comitato per il No per opera di alcune forze e personaggi boicotta la
      manifestazione alla base navale e organizza un incontro con invito al
      sindaco e al presidente della provincia (che si ringrazia per la
      collaborazione).
      l¹azione di questo comitato diventa incopatibile con la mobilitazione che
      noi abbiamo indetto il 2 giugno in coordinamento con le iniziative che si
      terranno a livello nazionale e decise nell'assemblea di Roma del 15/5.

      E¹ incompatibile che la battaglia contro la Base Navale veda il Sindaco di
      Taranto e il Presidente della Provincia come "interlocutori", addirittura
      "invitati", "collaboratori" (la Provincia) e non come una delle principali
      controparti/responsabili locali della lotta della popolazione di Taranto
      contro la Base.
      Neppure un anno fa, in occasione della nostra iniziativa contro
      l¹inaugurazione della Base Navale, siamo andati giustamente a contestare la
      parata/festa fatta il giorno prima dalla Di Bello con le principali autorità
      militari e istituzionali; neanche un anno fa abbiamo denunciato l¹appoggio
      esplicito, a parole e nei fatti, dato alla nuova Base e ai suoi piani dalle
      amministrazioni locali; e oggi troviamo il Comitato ad invitare queste
      stesse istituzioni, facendo una gravissima opera di mistificazione verso la
      gente del loro ruolo effettivo.
      Ma temiamo che ci sia anche qualcosa di più grave: che tipo di
      collaborazione sta dando all¹assemblea che fate il 2 la Provincia di
      Taranto, per cui voi la ringraziate? Come si può chiedere appoggio e
      collaborazione (contributo finanziario alla sponsorizzazione
      dell¹iniziativa?) a chi è corresponsabile dei piani di militarizzazione, di
      guerra, di morte, di attacco alla salute nella nostra città?

      In nessun altra città in cui si sta lottando realmente contro le Basi e la
      militarizzazione si è arrivati a tanto? Anzi ci sono degli esposti contro le
      Ammnistrazioni, come noi stessi vogliamo fare a Taranto.

      Così il Comitato dei 2 NO ha già cambiato natura!
      Così si dimostra quello che noi temevamo e per cui abbiamo per mesi portato
      una battaglia di linea nel Comitato: non si tratta di diverse proposte, più
      o meno opportune, si tratta di due line e vie contrapposte per la lotta alla
      Base Navale: la linea che noi stiamo sostenendo, di lotta, di coinvolgere
      via via come reali protagonisti di questa lotta i lavoratori, i giovani, gli
      antimperialisti, la gente di Taranto, le forze contro la militarizzazione e
      la guerra sul piano nazionale; e la linea che prende a riferimento e di
      fatto si affida alle istituzioni, usando il discorso della ³gente², della
      difficoltà attualmente di una mobilitazione di massa a Taranto, in maniera
      strumentale, per fare in realtà altro.
      Ed è sintomatico che chi si riempie la bocca della "gente", chi dice che il
      Comitato è dei "cittadini", chi è contro la presenza nel Comitato di partiti
      e forze politiche, poi per le iniziative si rivolge proprio ai partiti ma
      presenti nelle istituzioni.
      Su questa strada anche le tensioni sincere di denuncia della Base e dei suoi
      piani, prendono una china pericolosa e impotente a lottare realmente contro
      la Base Navale.

      Diventa, quindi, sempre più necessario che si costruisca un vero Comitato di
      Lotta contro la Base Navale. E facciamo appello alle forze, ai singoli
      sinceramente contro la Base presenti nel Comitato dei 2 no a decidere subito
      quale battaglia si vuole fare.

      A questi resta sempre il nostro caldo invito a venire al Convegno e al
      presidio alla Base Navale il 2 giugno.

      per Slai Cobas telefax 099_4792086
      cell.347_5301704
      cobasta@...
      Calderazzi Margherita

      TA. 25.5.05

      2 giugno 2005
      ore 9/14
      convegno antimilitarista
      e antimperialista
      c/o Hotel Principe Ple Bestat Taranto

      ore 16 presidio manifestazione alla Base Navale Chiapparo (v.le Jonio)
      Taranto

      @contro la trasformazione della nuova base navale in Mar grande in avamposto
      USA/NATO nel Mediterraneo nel quadro della guerra infinita di Bush per il
      controllo geopolitico del medioriente e Golfo
      @contro il possibile passaggio/presenza di sommergibili nucleari nella Base
      e contro ogni riproposizione del nucleare nel nostro paese e nel sud in
      particolare
      @contro il massiccio aumento delle spese militari per la guerra esterna e
      interna con il Opretesto¹ del terrorismo a danno delle spese sociali e del
      lavoro, dello sviluppo economico del territorio
      @per la smilitarizzazione del territorio a Taranto, in Puglia, nel sud
      @per un sud solidale con gli immigrati e le lotte di liberazione dei popoli
      oppressi, contro la repressione e criminalizzazione di chi lotta contro le
      basi, la guerra, il nucleare, i cpt e il razzismo

      Taranto non é né deve essere città di guerra come ai tempi del fascismo
      La Puglia non é né deve essere zona di guerra e va smilitarizzata
      Il Sud non é zona di guerra !via le Basi Usa/Nato dalla nostra terra !


      per adesioni Slai Cobas Taranto
      per un comitato di lotta contro la base navale, la guerra e il nucleare
      cobasta@... - O99/4792086 - 347/6301704
    Il tuo messaggio è stato inviato correttamente e verrà recapitato a breve ai destinatari.