Caricamento ...
Spiacenti, si è verificato un errore durante il caricamento del contenuto.

Parma 10/2: Foibe e fascismo - VII edizione

Espandi messaggi
  • C.N.J.
    Parma 10 febbraio 2012presso il Cinema Astra, piazzale Volta Foibe e fascismo - VII edizione ore 17:30 - Conferenza: Crimini fascisti in Jugoslavia con Davide
    Messaggio 1 di 1 , 1 feb 2012
    Visualizza origine
    • 0 Allegato

      Parma 10 febbraio 2012
      presso il Cinema Astra, piazzale Volta

      Foibe e fascismo - VII edizione

      ore 17:30 - Conferenza: Crimini fascisti in Jugoslavia
      con Davide Conti - storico (Fondazione Lelio e Lisli Basso)

      ore 18:00 - Proiezione: Pokret!
      video-intervista a italiani partigiani in Jugoslavia

      con presentazione del regista Giuliano Calisti (ANPI Viterbo)

      al termine dell'iniziativa, ore 20.30
      cena con i relatori Davide Conti e Giuliano Calisti al circolo ARCI "Solari" (costo 13 euro)

      e inoltre:

      sabato 11 febbraio 2012 
      dalle 11, presidio in via Tito (lato via Budellungo), simbolo della Resistenza Jugoslava

      prossimamente, in date da definire
      mostra documentaria "Testa per dente" sui crimini fascisti in Jugoslavia

      organizza

      Comitato antifascista e per la memoria storica di Parma
      per info: <comitatoantifasc_pr @ alice.it>

      scarica la cartolina in formato PDF: http://www.cnj.it/INIZIATIVE/volantini/ParmaCartolina2012.pdf
      scarica il manifesto in formato PDF: http://www.cnj.it/INIZIATIVE/volantini/ParmaManifesto2012.pdf

      ---

      Non si cancellano la storia e il valore della Resistenza jugoslava

      Fascisti, leghisti e destre anticomuniste vorrebbero fosse eliminata l’intitolazione a Tito della piccola strada di Parma esistente dagli anni ’80, e in alternativa introdotta “via martiri delle foibe”.
      E’ una richiesta grave e assolutamente inaccettabile, espressione di quel “revisionismo storico” mirante a sminuire il valore della Resistenza antifascista, oscurare i crimini fascisti e nazisti, e rivalutare in qualche modo il fascismo.
      Morti delle foibe, nel settembre-ottobre ’43 e nel maggio ’45, furono alcune centinaia di italiani (migliaia aggiungendo dispersi e fucilati in guerra, deportati e morti in campi di concentramento jugoslavi, ecc.) in gran parte militari, capi fascisti, dirigenti e funzionari dell’amministrazione italiana occupante la Jugoslavia, collaborazionisti. Morti per atti di giustizia sommaria, vendette ed eccessi, da parte di partigiani jugoslavi, derivanti dall’odio popolare e dalla rivolta nei confronti dell’Italia fascista. Considerare questi morti indistintamente, accomunarli tutti insieme, non rende giustizia a quella parte di loro che furono vittime innocenti. Vittime, non martiri. La stessa legge statale del 2004 istitutiva del “giorno del ricordo delle vittime delle foibe” non usa mai la parola “martiri”.
      Violenza di proporzioni di gran lunga superiori, sistematica e pianificata, e precedente, è stata quella del fascismo a partire dal 1920. Azioni delle squadracce contro centri culturali, sedi sindacali, cooperative agricole, giornali operai, politici e cittadini di “razza slava”, poi, nel ventennio, la chiusura delle scuole slovene e croate, il cambiamento della lingua e dei nomi, l’italianizzazione forzata, infine, nell’aprile del ’41, l’aggressione militare, l’invasione della Jugoslavia da parte dell’esercito del re e di Mussolini, pochi giorni dopo quella da parte della Germania nazista. L’Italia si annesse direttamente alcuni territori (come Lubiana e parte della Slovenia), altri tenne sotto controllo, in condizioni di occupazione particolarmente dure e crudeli, non meno di quelle naziste. Distruzione di interi villaggi sloveni e croati, dati alla fiamme, massacro di decine di migliaia di civili, campi di concentramento.
      Di qui la rivolta contro l’Italia fascista, lo sviluppo impetuoso del movimento partigiano delle formazioni repubblicane e comuniste guidate da Tito, la grande lotta antifascista e antinazista nei Balcani.
      Enorme è stato il tributo jugoslavo alla guerra contro il nazifascismo: su una popolazione di 18 milioni di abitanti dell’intero Paese, furono al comando di Tito 300.000 combattenti alla fine del ’43 e 800.000 al momento finale della liberazione, 1.700.000 furono i morti in totale, sul campo 350.000 i partigiani morti e 400.000 i feriti e dispersi. Da 400.000 a 800.000, ovvero da 34 a 60 divisioni, furono i militari tedeschi e italiani tenuti impegnati nella lotta, con rilevanti perdite inflitte ai nazifascisti. Una lotta partigiana su vasta scala, che paralizzò l’avversario e passò progressivamente all’offensiva, un’autentica guerra, condotta da quello che divenne un vero e proprio esercito popolare e che fece di Tito più di un capo partigiano, un belligerante vero e proprio, riconosciuto e considerato a livello internazionale.
      La Resistenza della Jugoslavia è stata di primaria grandezza in Europa e da quella esperienza la Jugoslavia è uscita come il paese più provato e al tempo stesso più trasformato. La Resistenza jugoslava ancor più di altre è stata più di una guerriglia per la liberazione del proprio territorio, è stata empito universale di una nuova società, ansia di superamento delle barriere nazionali, anelito di pace, libertà e giustizia sociale, da parte di tanti uomini e tante donne del secolo scorso.
      Ai partigiani jugoslavi si unirono, l’indomani dell’8 settembre ’43, quarantamila soldati italiani, la metà dei quali diedero la vita in quell’epica lotta nei Balcani; essi, col loro sacrificio, riscattarono l’Italia dall’onta in cui il fascismo l’aveva gettata. A questi italiani devono andare il ricordo e la riconoscenza della Repubblica democratica nata dalla Resistenza.

      COMITATO ANTIFASCISTA E PER LA MEMORIA STORICA – PARMA
      comitatoantifasc_pr@... – c.i.p. via Testi 4, Parma

      ---

      ALCUNI MORTI DELLE FOIBE, O RICONOSCIUTI TALI,
      NON "VITTIME INNOCENTI" E TANTOMENO "MARTIRI"

      - Cossetto Giuseppe, infoibato nel ’43 a Treghelizza, possidente, segretario del fascio a S. Domenica di Visinada, capomanipolo MVSN (Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale, sottoposta direttamente ai tedeschi), già squadrista sciarpa Littorio;

      - Morassi Giovanni, arrestato a Gorizia nel maggio ’45 e scomparso, Vicepodestà e Presidente della Provincia di Gorizia;

      - Muiesan Domenico, ucciso nel ’45 a Trieste, irredentista, legionario fiumano, volontario della guerra d’Africa, squadrista delle squadre d’azione a Pirano;

      - Nardini Mario, ucciso nel ’45 a Trieste, capitano della MDT (Milizia Difesa Territoriale, sottoposta direttamente ai tedeschi), già XI Legione MACA (milizia fascista speciale di artiglieria controaerei);

      - Patti Egidio, ucciso nel ’45, pare infoibato presso Opicina, vicebrigadiere del 2° Reggimento MDT, già MVSN, GNR (Guardia Nazionale Repubblicana), squadrista;

      - Polonio Balbi Michele, scomparso a Fiume il 3 maggio ’45, sottocapo manipolo del 3° Reggimento MDT;

      - Ponzo Mario, morto nel ‘45 in prigionia, colonnello del Genio Navale, poi inquadrato nel Corpo Volontari della Libertà del Comitato di Liberazione Nazionale (antifascista) di Trieste, arrestato per spionaggio sul movimento partigiano jugoslavo in favore del fascista Ispettorato Speciale di PS (Pubblica Sicurezza, sottoposta direttamente ai tedeschi);

      - Sorrentino Vincenzo, arrestato nel maggio ’45 a Trieste, condannato a morte da tribunale jugoslavo e fucilato nel ’47, ultimo prefetto di Zara italiana, membro del Tribunale Speciale della Dalmazia che comminava condanne a morte con eccessiva facilità secondo gli stessi comandanti militari italiani (“girava per la Dalmazia, e dove si fermava le poche ore strettamente indispensabili per un frettoloso giudizio, pronunciava sentenze di morte; e queste erano senz’altro eseguite”, Procuratore Militare in Dalmazia Umberto Maranghini).

      (da Le medaglie per gli infoibati di Claudia Cernigoi, sito «La Nuova Alabarda»)

      NO all’intitolazione di una via di Parma ai “martiri delle foibe”
      SI all’intitolazione di una via di Parma ai partigiani italiani all’estero

      COMITATO ANTIFASCISTA E PER LA MEMORIA STORICA – PARMA
      comitatoantifasc_pr@... – c.i.p. via Testi 4 , Parma


      === * ===



      E' nata indoona : chiama, videochiama e messaggia Gratis.
      Scarica indoona per iPhone, Android e PC

    Il tuo messaggio è stato inviato correttamente e verrà recapitato a breve ai destinatari.