Caricamento ...
Spiacenti, si è verificato un errore durante il caricamento del contenuto.

[Geopolitica]Assemblea Nazionale del Forum Palestina

Espandi messaggi
  • Claudio Carpentieri
    I dirigenti del Forum Palestina,il centro di coordinamento di tutte le iniziative propagandistiche anti-israeliane,promuovendo un convegno reitera alcuni
    Messaggio 1 di 1 , 1 mar 2003
    Visualizza origine
    • 0 Allegato
      I dirigenti del Forum Palestina,il centro di coordinamento di tutte le
      iniziative propagandistiche anti-israeliane,promuovendo un convegno reitera
      alcuni beceri slogan ai limiti dell' antisemitismo:a cominciare dalla
      veemente denuncia di una (del tutto presunta) "Soluzione Finale",una
      criminale e pianificata deportazione di massa di tutti i palestinesi oltre
      il Giordano,che (a loro dire) scatterebbe in concomitanza con la probabile
      campagna militare internazionale contro Saddam.
      Si tratta di un palese e meschino tentativo di sovrapporre,all' orrore per
      la immane carneficina nazista della Shoà,l' indignazione per la politica
      "criminale" (?) di Israele a Gaza ed in CisGiordania:una maniera non troppo
      "sottile" di sminuire la prima a favore della seconda,per biechi fini
      propagandistici di parte (legittimare agli occhi,sgomenti,della opinione
      pubblica internazionale,la campagna terroristica dei kamikaze come nuovi
      partigiani della resistenza popolare contro il "Terzo Reich del Medio
      Oriente").
      Quello israeliano resta,incontestabilmente,l' unico governo liberamente
      eletto dell' unico Stato democratico di tutto il Medio Oriente,soggetto in
      primis alle critiche serrate,in patria,di un sistema informativo pluralista
      e di attivissimi gruppi per i diritti umani,sia laici che religiosi
      (promossi da rabbini):gli stessi Ebrei osservanti,del resto,per primi
      concepiscono il principio della fallibilità umana,essendo la perfezione una
      prerogativa esclusiva dell' Altissimo (ciò ad ulteriore riprova di quanto
      risulti scorretto accomunare l' intero ebraismo mondiale alle posizioni
      ufficiali dello Stato israeliano).
      Puntuale la denuncia della "onnipotente lobby sionista internazionale",uno
      slogan trito e ritrito che richiama quello nazifascista della "cospirazione
      giudoplutomassonica mondiale",secondo cui una potente e ristretta èlite di
      ebrei manovrerebbe a suo totale piacimento l' intero sistema politico e
      giornalistico planetario:una teoria ancor più manifestamente infondata in
      Italia,in cui,in tempi recentissimi (ottobre 2000),abbiamo avuto persino un
      capo dell' ufficio di corrispondenza RAI dal Medio Oriente,Riccardo
      Cristiano,intento a denunciare i suoi colleghi,colpevoli (?) unicamente di
      uno zelo professionale sfavorevole alla faziosa propaganda araba di cui egli
      era membro attivo ed entusiasta.
      In questa Italia sotto il condizionamento della lobby sionista,i zelanti
      agit prop filopalestinesi restano liberissimi di indire ogni evento pubblico
      che ritengano opportuno,e di promuoverlo in tutte le sedi:proprio come in
      Israele,ove gruppi attivi sul fronte dei diritti umani esistono da oltre
      vent' anni.
      Criticare le decisioni del governo israeliano è quindi,con tutta
      evidenza,perfettamente legittimo,ma riproporre e sviluppare,nel quadro di
      questo impegno,tematiche dal sapore antisemita per demonizzare Israele e
      confondere ancor più l' opinione pubblica attraverso questi messaggi
      impliciti (filoisraeliani come sgherri della "lobby sionista
      internazionale",autodifesa israeliana dal terrorismo suicida come attuazione
      di una politica "neo-colonialista" e "sterminazionista") sembra piuttosto
      rientrare nel quadro di una graduale e pianificata campagna a sostegno - o
      quantomeno a "comprensione delle ragioni" - di quell' ampio schieramento di
      forze pregiudizialmente ostili ad Israele,di cui negano la stessa
      legittimità storica.
      Una manovra che si esplicita,ad esempio,nel promuovere manifestazioni di
      piazza in cui si esaltano gli attentatori suicidi,come a Roma il 9 aprile
      scorso,e nello scegliere,come simbolo ufficiale del proprio gruppo collocato
      nella Home Page del sito di riferimento,una mini-cartina del M.O.,in cui
      tutto il territorio ad ovest del fiume Giordano è avvolto nel tipico
      copricapo dei terroristi palestinesi,la kefiah (Israele non esiste).
      La sensazione è che,nel promuovere una legittima posizione di parte,si sia
      superato il limite della lucidità,scadendo al livello del più fanatico
      delirio propagandistico.

      Shalòm

      Claudio C.

      www.informazionecorretta.com
      www.amicidisraele.org
      www.israele-dossier.info
      www.greconet.com
      www.italia-israele.it
      www.israele.net
      www.italya.net
      www.morasha.it
      www.shalom.it
      www.ebraismoedintorni.it
      www.virusilgiornaleonline.com

      "Come potremmo noi cantare le canzoni del Signore in terra straniera?
      Se ti dimentico,o Gerusalemme,
      mi si attacchi la lingua al palato;
      mi si paralizzi la mano destra,
      se lascio cadere il tuo ricordo,
      se non metto Gerusalemme prima di ogni mio pensiero".

      "Chiedete qual è la nostra politica?Rispondo che è condurre la guerra per
      mare,per terra e per aria,con tutto il nostro potere e con tutta la forza
      che Dio può darci;condurre la guerra contro una tirannide mostruosa che non
      ha l'uguale nel tetro,miserabile catalogo del crimine umano.Ecco:questa è la
      nostra politica".

      >From: "FORUMPALESTINA" <>
      >Reply-To: Lista_Geopolitica@yahoogroups.com
      >To: <Undisclosed-Recipient:>
      >Subject: [Geopolitica] Assemblea Nazionale del Forum Palestina
      >Date: Sat, 1 Mar 2003 06:34:26 +0100
      >
      >La Palestina dentro la guerra preventiva
      >
      >Pisa, Sabato 15-Domenica 16 marzo
      >
      >C/o Circolo "Agorà"(via Bovio 48/50)
      >
      >Assemblea Nazionale del
      >
      >Forum Palestina
      >
      >"Una nuova fase della solidarietà con la lotta
      >
      >del popolo palestinese"
      >
      >Sarebbe un errore sottovalutare la questione della Palestina nel contesto
      >dell'escalation della guerra preventiva. Sui palestinesi grava la minaccia
      >di una *** "soluzione finale" *** . Quando le bombe americane cadranno su
      >Bagdad, sono in molti a pensare che il governo Sharon - che ha vinto come
      >prevedibile le elezioni - ne approfitterà per realizzare la "Eretz Israel",
      >la Grande Israele che prevede l'espulsione di gran parte dei palestinesi in
      >Giordania o altrove e il confinamento dei nuclei rimanenti dentro un
      >sistema di bantustan.
      >
      >Lo stillicidio dei palestinesi nei territori occupati prosegue inesorabile
      >giorno dopo giorno. Rastrellamenti continui, uccisioni "mirate" o casuali,
      >demolizioni di case, bombardamenti, arresti di massa. *** Le testimonianze
      >su quanto avvenuto nei Balcani, potrebbero impallidire davanti a quanto
      >avviene nei territori palestinesi *** occupati dai soldati e dai coloni
      >israeliani. Eppure tutto questo continua ad avvenire nel più completo
      >silenzio, il silenzio dei colpevoli diretti e quello di chi ha deciso di
      >girare la testa altrove perchè la questione palestinese divide, lacera,
      >costringe a prese di posizioni chiare e non consente troppi margini di
      >equidistanza ed ambiguità.
      >
      >Sono evidenti in questo, i risultati del fortissimo e prevedibile pressing
      >dei gruppi di pressione e opinione filo-israeliani sulla sinistra italiana.
      >Ma sono anche evidenti le difficoltà a difendere nel mondo e nell'opinione
      >pubblica la legittimità di una politica fondata sull'occupazione militare e
      >coloniale, sulla repressione di un intero popolo e sulla complicità piena
      >con la logica della guerra preventiva scatenata dagli Stati Uniti.
      >
      >La giornata di sabato 15 marzo sarà dedicata alla discussione sul bilancio
      >dell'attività svolto e sulle nuove iniziative in programma. Chiunque potrà
      >portare il proprio contributo.
      >
      >Per gli aspetti organizzativi, pasti e alloggio: tel.055/500442,
      >338/4014989
      >
      >Forum Palestina
      >
      >Info: http://www.forumpalestina.org ; forumpalestina@...

      _________________________________________________________________
      MSN Extra Storage! Hotmail all'ennesima potenza. Provalo!
      http://www.msn.it/msnservizi/es/extra_storage_tag/
    Il tuo messaggio è stato inviato correttamente e verrà recapitato a breve ai destinatari.