Caricamento ...
Spiacenti, si è verificato un errore durante il caricamento del contenuto.

17415R: RdR - Comunicazione di servizio 11/2017 per ilaria e tutti

Espandi messaggi
  • <cossutti@...>
    24 ott
      Grazie per la consultazione documenti. Se sapevo prima di questo interesse ti facio coto della planimetria. Informo che la tratta s.palomba e'  attivata negli anni 29 30 con la ferrovia. Non ricordo data precisa

      Da: morando
      Inviato: ‎24/‎10/‎2017 20:50
      A: vincenzo.ionata@...
      Oggetto: Fw: RdR - Comunicazione di servizio 11/2017

       
      Nuovo Logo RdR
       
      Un Lettore  ci chiede quanto segue.
      Ritenendo interessante lo scambio di email intervenuto, lo si riporta integralmente in ordine logico di arrivo.
      Per chi avesse le informazioni richieste o comunque volesse mettersi in contatto diretto, la email è:
       
       
      **************
       
      Nome: Vincenzo
      Cognome: Ionata
      Localita: Latina
      Indirizzo e-mail: vincenzo.ionata@...
      Messaggio:
      Gent.mo dott. Morando,
      sto effettuando una ricerca storica relativa ad un manufatto delle Ferrovie, un cavalcavia carrabile sovrappasso della linea Roma-Formia nei pressi della Stazione di Pomezia S. Palomba (a circa 400 m a sud di essa), costruito tra il 1906 ed il 1925, probabilmente poco prima del 1920, anno di inaugurazione della tratta.
      Il ponte è elegante nella sua semplicità e ricalca, pur essendo essenziale, il design dell'epoca.
      Cerco informazioni sulla storia, il progettista, eventuali danni bellici o ricostruzioni e ogni altra informazione utile a tracciare un profilo storico del manufatto nei decenni.
      La foto è visionabile qui: http://it.tinypic.com/r/ 15nvmte/9
      Vi scrivo per avere indicazioni e consigli per reperire ciò che cerco premettendo che ho già contattato l'archivio storico di RFI ottenendo però solo una tavola progettuale piuttosto scarna e senza data.

      In attesa di un suo cortese riscontro la ringrazio anticipatamente porgendo cordiali saluti
      Vincenzo Ionata
       
       
      Egregio Sig. Ionata,

      per quanto lusingato dalla Sua richiesta, mi spiace doverLa deludere perché la nostra ricerca come Gruppo RdR che tiene conto di tutta la rete non arriva a dettagli di questo livello salvo casi particolarissimi. Certamente l'archivio storico FS dovrebbe risultare una fonte affidabile e completa ma uso il condizionale perché, come ha potuto appurare, i riscontri non sono improntati alla massima collaborazione.
      Per contro, se non ha eccessiva fretta, posso ricercare i dati richiesti presso i nostri Collaboratori, Abbonati e Lettori tramite comunicazioni a loro destinate e tramite la nostra Circolare mensile. Però, come detto, mi deve dare un po' di tempo perché
      al riguardo ho impegni  in scadenza e soprattutto enormi problemi informatici con internet e con il server per i quali mi vedrò forse costretto a far riformattere tutto il com
      puter, sciagura che comporterebbe ulteriori ritardi. Inoltre non posso nasconderLe che anche questa ricerca, dato che esula in parte dai nostri argomenti principali, ha grosse probabilità di non ottenere risultati concreti. In definitiva, se per Lei sta bene, mi farei risentire con le iniziative indicate in futuro.
      Cordiali saluti.

      Ennio Morando

       
      Gen.mo sig. Morando,
      innanzitutto la ringrazio per il suo impegno, mi ha spiegato molto chiaramente che il livello di dettaglio potrebbe non essere così raffinato e questo l'ho messo in conto fin dall'inizio dato che l'opera in questione non riveste grande importanza. Ho notato però con stupore e con piacere che esistono esperti ed appassionati come lei che impiegano energie per raccogliere e raccontare la storia delle nostre ferrovie e questo mi fa ben sperare; nel mio caso davvero ogni informazione utile del manufatto sarebbe gradita. Non le nascondo che i tempi che ho a disposizione purtroppo sono stretti e limitati.
      In ogni caso non posso far altro che ringraziarla nuovamente in attesa di prossimi sviluppi aggiungendole che se lo ritiene utile può mettermi in contatto con chi, forse, potrebbe avere qualche notizia utile sul ponte o sapere dove reperirla.
       
      Un saluto cordiale
      Vincenzo Ionata
       
       
      Dato che, nel frattempo ed in attesa di diffondere una Comunicazione di Servizio apposita, abbiamo inserito la Sua richiesta in bacheca, ho il piacere di informarLa che già due Collaboratori hanno letto il Suo appello ed hanno risposto. Trascrivo quindi di seguito le relative email allo scopo di mettervi in contatto diretto, accludendo di seguito gli indirizzi email di tutti gli interessati.

      Francesco Scalfati: francesco.scalfati@...

      Paolo Arlandi: paolo.arlandi@...

      Vincenzo Ionata: vincenzo.ionata@...

       

       Ennio Morando

       

       

      Da Scalfati

      Ho letto la lettera del Sig Vincenzo che cerca info sul ponte a sud di Pomezia. Ci sono varie foto su RDR cercando Pomezia+Santa palomba 
      Farò ricerche anche io sulla storia.

       

      Il ponte è mezzo pericolante. Ora è solo pedonale mentre prima passavano anche auto. 
      Quando passa un treno in velocità  trema tutto.
      Lo ho visitato a febbraio

       

       

      Da Arlandi

      Ciao Ennio,

      ho visto la richiesta del sig. Vincenzo Ionata. Se credi puoi girare questa mia mail.

      Grazie, ciao, Paolo

      Memore di numerose ricerche svolte presso archivi di enti pubblici e privati, potrei forse suggerire alcuni spunti di indirizzo da eventualmente percorrere.

      Per opere del genere casi di solito sono due:
      - il ponte in questione è stato costruito contestualmente alla linea ferroviaria, per ovviare all’interruzione della strada soprastante; il manufatto è unificato a tutti quelli della linea e rientra nel progetto generale di costruzione della ferrovia, in questo caso la Roma-Napoli via Formia.
      - il ponte è stato eseguito dopo la linea ferroviaria, in occasione dell’apertura di una nuova strada che doveva necessariamente scavalcare la ferrovia.

      In entrambi i casi i disegni di progetto sono (o dovrebbero) essere conservati nell’archivio storico municipale del Comune interessato, per la parte ricadente nei confini comunali. In questo caso Pomezia o Santa Palomba, poiché è il Comune a concedere l’uso del terreno. Alla Provincia compete la rete stradale fuori dai confini comunali, anche presso la Provincia potrebbe esserci qualche documento.

      Mentre il progetto generale della linea ferroviaria ha un suo responsabile principale, i progetti delle opere stradali, quali ponti, gallerie, muri di sostegno, ecc., di solito sono demandati ad altro ente o impresa costruttrice, con opportune linee guida per quanto riguarda i materiali, il disegno di massima, ecc.

      In generale una ricerca sui giornali quotidiani dell’epoca può essere utile per le date di inaugurazione o apertura all’esercizio, mentre le pubblicazioni tecniche come la “Rivista Tecnica delle Ferrovie italiane” potrebbero contenere articoli comprendenti il manufatto in questione. Per esempio sul n. 12 del 1922 c’è un articolo sulla direttissima Roma – Napoli che potrebbe forse contenere qualche notizia circa il progetto.

      Sperando che questi modesti possano essere utili, saluto cordialmente.
      Paolo Arlandi

       
      Gentilissimi, vi ringrazio molto per i vostri suggerimenti nonché per la celerità; mi sto rendendo conto che ahimé essendo il manufatto un'opera sostanzialmente di servizio pare non abbia una letteratura esaustiva. I suggerimenti del sig. Arlandi relativi alla documentazione comunale potrebbero non portare a nulla poiché il comune di Pomezia è nato nel 1932 (città di fondazione del ventennio) mentre l'inaugurazione della linea risale al 1920, epoca in cui l'attuale area di S.Palomba ricadeva all'interno del Comune di Roma (sempre che il ponte non sia stato edificato successivamente, come suggeriva).
      Le ricerche fatte presso gli archivi storici di RFI hanno portato ben poco e sto cercando presso l'Archivio Storico Capitolino anche se a quanto pare la speranza di trovare qualcosa di utile sia minima.
      Proseguo nella ricerca sperando che i vostri indizi mi portino beneficio.
       
      Rinnovo i miei ringraziamenti per il vostro prezioso contributo pregandovi, nel caso trovaste altre informazioni utili, di portarle gentilmente alla mia attenzione.
       
      Un cordiale saluto
      Vincenzo Ionata