Caricamento ...
Spiacenti, si è verificato un errore durante il caricamento del contenuto.

L'Italia della prevaricazione contro i più de boli

Espandi messaggi
  • Coord. Naz. per la Jugoslavia
    L Italia della prevaricazione contro i più deboli ... Sul razzismo e la prevaricazione contro i più deboli, atteggiamenti oramai prevalenti nella società
    Messaggio 1 di 1 , 1 apr 04:13
    Visualizza origine
    • 0 Allegato

      L'Italia della prevaricazione contro i più deboli

      ---

      Sul razzismo e la prevaricazione contro i più deboli, atteggiamenti oramai prevalenti nella società italiana,  si veda anche il recentissimo rapporto di Human Rights Watch:

      L’intolleranza quotidiana. La violenza razzista e xenofoba in Italia


      Comunicato stampa 
      Un’Italia sempre più intollerante e razzista 

      ---


      La Lega Nord a Ileana Argentin: “stai zitta handicappata del cazzo”


      Posted By Gennaro Carotenuto On 1 aprile 2011


      La Lega Nord si è costruita nel tempo la fama di dare pane al pane e dire quello che davvero pensa la gente.

      Ed ecco quello che pensa davvero la gente quando deve cedere il passo a una signora in carrozzina o quando questa osa dire la sua. La gente pensa: “stai zitta handicappata del cazzo”, come ha sintetizzato ieri il deputato della Lega Nord Massimo Polledri (nella foto) alla deputata del PD Ileana Argentin.

      Permettere al teppista dell’odio Massimo Polledri di uscire impune da questa vicenda, è parte di una società senza più freni inibitori dove la brava gente, padana e non, è libera di pensare e dire “immigrati fuori dalle palle”, “buttiamoli a mare”, “affondiamo le navi”, “bruciamo i rom”, “forza Vesuvio”, non voglio te come insegnante dei miei figli perché sei meridionale, i romeni sono tutti ladri, la cultura non fa mangiare, gli impiegati pubblici possono essere liberamente diffamati, non voglio spendere per insegnanti di sostegno perché tanto i miei figli sono sani, non voglio handicappati in giro perché i bambini s’impressionano, non accettiamo bimbi down in questo albergo perché i clienti s’intristiscono e non spendono e tutto il repertorio davanti ai nostri occhi e che abbiamo più o meno supinamente accettato mugugnando privatamente il nostro schifo.

      Se lo dicono i ministri, se rivendicano il diritto di affermare cose che non sono intemperanze verbali ma che rispondono ad una precisa cultura che poi ritroviamo puntualmente riflessa nelle leggi dello Stato, dai tagli agli insegnanti di sostegno al reato di immigrazione clandestina, ai tagli alle cure palliative ai malati terminali (per foraggiare gli allevatori disonesti amici di Polledri) come pretendiamo che la cultura dei peggiori bar di Gallarate non diventi ormai la cultura del paese, la cifra del paese, un paese senza umanità.

      E’ questo quello che abbiamo seminato in questi decenni nell’accettare l’imposizione di un’agenda politica di pancia più che di idee, di odio più che di solidarietà, dove il rancore sordido per qualunque interazione con l’altro è diventato l’unica regola riconosciuta. Adesso non sembra esserci più scampo in questa rincorsa infinita alla suburra, ad una palude nella quale la nostra società civile sta affondando.

      Eppure non possiamo fermarci. Cominciamo dal gridare l’indegnità di Polledri, ad esigere che sia punito. Cominciamo dal circondare la sua villetta a schiera a Piacenza con i nostri colori fino a quando l’indegno non sia obbligato dai suoi a dimettersi dal parlamento. Cos’altro dovranno fare per capire che non c’è altro di più urgente che fermarli?


    Il tuo messaggio è stato inviato correttamente e verrà recapitato a breve ai destinatari.