Caricamento ...
Spiacenti, si è verificato un errore durante il caricamento del contenuto.

4816Re: [Linguasiciliana] Nautra poesia

Espandi messaggi
  • Rosa Agathea
    30 giu 2009
      Bedda sta puisia, mi ricurdau ca mi nonna mi cuntava dda storia di dda carusa ca diciva "Mamma, mamma Ciccu mi tocca" e poi o carusu "Toccami Ciccu ca' a mamma non c'è!".
      Salutamu
      BeddaRosa


      Da: Mr giacomo comis <giacomocomis@...>
      A: Linguasiciliana@yahoogroups.com
      Inviato: Lunedì 29 giugno 2009, 12:36:12
      Oggetto: [Linguasiciliana] Nautra poesia

      Salutamu sempri a cumbriccula.
      Sugnu sempri iù, Giacumu di Parma.
      Na vota, tanti anni fa, quannu iù eru giovanastru, c'era l'usanza ca ppi avvicinari 'na fimmina e circari di attraccari (verbu marinaru ca significava accumingiari 'na relazioni) sa 'va firmari ppi la srata e circari di accumingiari a cunuscenza. A poesia, cca di secutu, descrivi u risultatu di na"firmata"
                         
                   A FIRMATA
      Signurina, ti pozzu accumpagnari?
      Vo itavinni e statimi luntanu.
      Comu poi dari tu risposta e du dinari?
      Pozzu, pirchi siti 'mpoviru cristianu.
       
      Allura pirchi ieri, quannu ti fici 'nzigna,
      'muccianniti la vucca, facisti na risata?
      Non ppi vui era, ppo jattu ca si 'ncugna
      E lu surrisu d'ora è sarsa arriminata?
       
      Iù già staiu arrivannu, allargativi di mia,
      non vogghiu ca qualcunu sparra ppi la via.
      Dumai iù sugnu cca all'ottu di bonura,
      amara a vui ppi strata su vi 'ncugnati ancora.
       
      Autri poesie in secutu vi farò leggiri.
      Giacumu


    • Visualizza tutti i 2 messaggi in questo argomento