Caricamento ...
Spiacenti, si è verificato un errore durante il caricamento del contenuto.
 

Invio Poesia Siciliana

Espandi messaggi
  • Mr giacomo comis
    Salutamu tutta a cumbriccula. Scusatimi ma u me siciliano e chiddu da parrata catanisa. A Catania nto quarteri da Civita (u chiù vecchiu di Catania) c è na
    Messaggio 1 di 2 , 16 giu 2009
      Salutamu tutta a cumbriccula.
      Scusatimi ma u me siciliano e chiddu da parrata catanisa.
      A Catania 'nto quarteri da Civita (u chiù vecchiu di Catania) c'è na vanidduzza ca a chiamunu :a "vanedda ammazzati".
      Pocu tempu fa, mi fici 'nviaggiu a San Franciscu, unni 'ncuntrai diversi civitoti. Unu di iddi mi addumannau : chi dici a vanedda ammazzati?
      Fu tanta a me curiusità ca quannu turnai a Catania vosi iri 'nta sta vanedda ppi sapiri pirchì a chiamunu accussì. Ppi furtuna mia 'ncuntrai na vicchiaredda ca sta na sta vanedda di quannu nasciu e mi spiegavu tuttu chiddu ca discrivu 'nta poesia.
                   A vanedda ammazzati.
      Vicinu a chiazza XVII agostu,
      ci sta na vanidduzza stritta stritta.
      U nnomu ca non mai fu cangiatu,
      è "Vicolo Barilai" 'nta la scritta
       
      A genti ca cci stava in tempu anticu,
      a sira quannu tuttu era o scuru,
      macari 'ncumpagnia di qualche amicu,
      si stava 'mpurtusatu a lu sicuru.
       
      U scuru 'ccussì fittu 'nta sta valli,
      scantava a cu 'ncappava 'nta stu portu,
      diceva ca putevunu ammazzarli,
      senza ca nuddu si nni fussi accortu.
       
      Ppi stu pinseru ca tutti 'ntirissava,
      misuru 'nnomu novu, 'sti poviri criati.
      Viculu Barilai, ca prima si chiamava,
      ora ppi tutti è: Banedda di l'Ammazzati.
       
      Giacomo Comis----Parma

    • Rosa Agathea
      Fossi ca fossi è a cusidditta Vanedda o Scuru unni dari coppa a cu li tira. Salutamu BeddaRosa ________________________________ Da: Mr giacomo comis
      Messaggio 2 di 2 , 16 giu 2009
        Fossi ca fossi è a cusidditta Vanedda o'Scuru unni dari coppa a cu li tira.
        Salutamu
        BeddaRosa


        Da: Mr giacomo comis <giacomocomis@yahoo..it>
        A: Linguasiciliana@yahoogroups.com
        Inviato: Martedì 16 giugno 2009, 16:09:13
        Oggetto: [Linguasiciliana] Invio Poesia Siciliana

        Salutamu tutta a cumbriccula.
        Scusatimi ma u me siciliano e chiddu da parrata catanisa.
        A Catania 'nto quarteri da Civita (u chiù vecchiu di Catania) c'è na vanidduzza ca a chiamunu :a "vanedda ammazzati".
        Pocu tempu fa, mi fici 'nviaggiu a San Franciscu, unni 'ncuntrai diversi civitoti. Unu di iddi mi addumannau : chi dici a vanedda ammazzati?
        Fu tanta a me curiusità ca quannu turnai a Catania vosi iri 'nta sta vanedda ppi sapiri pirchì a chiamunu accussì. Ppi furtuna mia 'ncuntrai na vicchiaredda ca sta na sta vanedda di quannu nasciu e mi spiegavu tuttu chiddu ca discrivu 'nta poesia.
                     A vanedda ammazzati.
        Vicinu a chiazza XVII agostu,
        ci sta na vanidduzza stritta stritta.
        U nnomu ca non mai fu cangiatu,
        è "Vicolo Barilai" 'nta la scritta
         
        A genti ca cci stava in tempu anticu,
        a sira quannu tuttu era o scuru,
        macari 'ncumpagnia di qualche amicu,
        si stava 'mpurtusatu a lu sicuru.
         
        U scuru 'ccussì fittu 'nta sta valli,
        scantava a cu 'ncappava 'nta stu portu,
        diceva ca putevunu ammazzarli,
        senza ca nuddu si nni fussi accortu.
         
        Ppi stu pinseru ca tutti 'ntirissava,
        misuru 'nnomu novu, 'sti poviri criati.
        Viculu Barilai, ca prima si chiamava,
        ora ppi tutti è: Banedda di l'Ammazzati.
         
        Giacomo Comis----Parma


      Il tuo messaggio è stato inviato correttamente e verrà recapitato a breve ai destinatari.