Caricamento ...
Spiacenti, si è verificato un errore durante il caricamento del contenuto.

ANNO DELLA FEDE - Pensiero dèl giorno - 13.2.2013

Espandi messaggi
  • paolo di nazareth
    Volgeranno lo sguardo a Colui che hanno trafitto . Guardiamo con fiducia al costato trafitto di Gesù, da cui sgorgarono sangue e acqua (Gv 19,34)! I Padri
    Messaggio 1 di 1 , 12 feb 2013
    Visualizza origine
    • 0 Allegato
      "Volgeranno lo sguardo a Colui che hanno trafitto". Guardiamo con fiducia al costato trafitto di Gesù, da cui sgorgarono "sangue e acqua" (Gv 19,34)! I Padri della Chiesa hanno considerato questi elementi come simboli dei sacramenti del Battesimo e dell'Eucaristia. Con l'acqua del Battesimo, grazie all'azione dello Spirito Santo, si dischiude a noi l'intimità dell'amore trinitario. Nel cammino quaresimale, memori del nostro Battesimo, siamo esortati ad uscire da noi stessi per aprirci, in un confidente abbandono, all'abbraccio misericordioso del Padre (cfr S. Giovanni Crisostomo, Catechesi, 3,14 ss.). Il sangue, simbolo dell'amore del Buon Pastore, fluisce in noi specialmente nel mistero eucaristico: "L'Eucaristia ci attira nell'atto oblativo di Gesù… veniamo coinvolti nella dinamica della sua donazione" (Enc. Deus caritas est, 13). Viviamo allora la Quaresima come un tempo `eucaristico', nel quale, accogliendo l'amore di Gesù, impariamo a diffonderlo attorno a noi con ogni gesto e parola. Contemplare "Colui che hanno trafitto" ci spingerà in tal modo ad aprire il cuore agli altri riconoscendo le ferite inferte alla dignità dell'essere umano; ci spingerà, in particolare, a combattere ogni forma di disprezzo della vita e di sfruttamento della persona e ad alleviare i drammi della solitudine e dell'abbandono di tante persone.

      Messaggio per la Quaresima 2007, Dal Vaticano, 21 novembre 2006
    Il tuo messaggio è stato inviato correttamente e verrà recapitato a breve ai destinatari.