Caricamento ...
Spiacenti, si è verificato un errore durante il caricamento del contenuto.

17719Fwd: [2915] Trani, "non c'e' correlazione fra vaccini e autismo": la procura archivia l'inchiesta

Espandi messaggi
  • Angelo
    10 nov 05:56




      -------- Messaggio Inoltrato --------
      Oggetto:[2915] Trani, "non c'e' correlazione fra vaccini e autismo": la procura archivia l'inchiesta
      Data:Fri, 10 Nov 2017 11:15:12 +0100
      Mittente:Press-IN <info@...>
      Rispondi-a:Press-IN <info@...>
      A:Iscritti a Press-IN <info@...>


      Press-IN anno IX / n. 2915

      La Repubblica del 10-11-2017

      Trani, "non c'e' correlazione fra vaccini e autismo": la procura archivia l'inchiesta

      Le indagini avviate nel 2014 dopo le denunce di alcuni genitori che intendevano accertare la causa delle patologie dei figli. Secondo il gip non ci sono elementi su cui fondare alcuna ipotesi di reato.

      TRANI. L'inchiesta sulla possibile correlazione tra vaccini pediatrici e autismo aperta nel 2014 dalla procura di Trani finisce in archivio. Secondo il gip Francesco Messina non sono emersi elementi su cui fondare alcuna ipotesi di reato. Le indagini furono avviate all'indomani della denuncia dei genitori di alcuni bambini i quali chiesero di accertare la causa delle patologie di cui soffrivano i figli, a loro dire ricollegabili alla somministrazione del vaccino trivalente, anti morbillo, parotite e rosolia.

      Alla richiesta di archiviazione del pm Michele Ruggiero si erano opposti i familiari, di qui la necessità della decisione in camera di consiglio. Scrive il gip che "i risultati conseguiti hanno escluso la suddetta relazione causale secondo le migliori conoscenze della scienza medica". I consulenti dell'accusa, una commissione medica formata da quattro esperti (Aldo Ferrara, Francesca Fusco, Roberto Gava e Giovanni Rezza), scrissero all'epoca che "non sono identificabili elementi che possono avvalorare (neppure in termini di elevata probabilità) una relazione causale tra la somministrazione delle dosi vaccinali effettuale" ai bambini "e l'attuale quadro clinico, inquadrabile nell'ambito di un disturbo generalizzato dello sviluppo".

      I consulenti avevano ribadito che "un vero e proprio nesso tra trattamenti vaccinali e sindromi dello spettro autistico non può essere individuato". Nel dispositivo di archiviazione del procedimento il giudice richiama le affermazioni dei consulenti, spiegando che "sono chiare e, nel loro rigore scientifico, non confutate da alcuna seria prospettazione contraria". I consulenti, si legge, hanno evidenziato che "la sindrome autistica annoveri diverse cause tra le quali spicca l'infezione virale in grado di influire sul sistema nervoso centrale".

      Non solo. "Indagini rigorose", è scritto, "hanno evidenziato che la somministrazione del vaccino non aumenta la possibilità di insorgenza della encefalite o encefalopatia rispetto a una possibile infezione naturale, anzi è stato stimato che il verificarsi della malattia sia mille volte inferiore dopo la vaccinazione rispetto all'evenienza di una infezione naturale". Le valutazioni degli esperti a cui hanno fatto riferimento i genitori dei bambini sono state ritenute dai consulenti come di pura esclusione, ovvero superflue per l'accertamento rigoroso del nesso di causalità tra riscontro della patologia e somministrazione del vaccino.

      Nella relazione la commissione nominata dal pm Ruggiero mosse però delle critiche alle linee guida, tra le altre, dell'Organizzazione mondiale della sanità che, secondo loro, "non sembrano assolutamente adeguate per promuovere una corretta sicurezza vaccinale", limitandosi "semplicemente a dire che i vaccini non dovrebbero essere usati se il paziente ha febbre alta o altri segni di malattia grave". A detta dei medici "sembra razionale eseguire alcuni esami ematochimici nei soggetti a rischio e in particolare nei bambini piccoli che dovrebbero ricevere i vaccini pediatrici, in modo da avere qualche elemento in più per capire se sono nella condizione di sopportare lo stress immunitario delle vaccinazioni senza rischi gravi per la loro salute".

      Il gip del tribunale di Trani Francesco Messina a questo proposito scrive che "non sono affatto recepibili le considerazioni contenute nella richiesta di archiviazione del pm sulla generale attività di precauzione oltre che sull'adeguatezza o inadeguatezza delle linee guida circa i trattamenti vaccinali poiché esse riguardano lo specifico ambito sanitario-amministrativo e non rientrano nell'alveo del giudizio penale che va effettuato sulla esclusiva base delle norme vigenti".

      di Giovanni Di Benedetto


      Argomenti correlati: Disabilità psico-cognitiva  - Disabilità e società 

      Se vuoi leggere l'articolo originale clicca qui:
      http://www.pressin.it/leggi.php?idarticolo=54239

      ---------------------------------------------------
      Press-IN è un servizio offerto dall'associazione Lettura Agevolata Onlus

      Per non ricevere più questi messaggi vai alla pagina:
      http://www.pressin.it/

      Per informazioni e segnalazioni: info@...
      ---------------------------------------------------